Home

Dispositivo
   Prefazione 1
   Prefazione 2

Bibliografia generale
  Parte prima     (1-100)
  Parte seconda (101-200)
  Parte terza      (201-300)
  Parte quarta    (301-400)
  Parte quinta    (401-501)

Premessa
Barano / Serrara
Casamicciola
Forio
Ischia
Lacco Ameno
Varie / Conclusioni

 

Lacco Ameno

  Nel territorio di Lacco lo sviluppo dei manufatti difensivi appare essersi articolato nei cinque passaggi seguenti, con un contributo documentario, a datare dal 1586, della nota Carta:
  1. ad occidente, prevalentemente per i compiti di scoperta e collegamento, su Montevico, la Torre regia, per la costruzione della quale sembra ci si sia avvalsi di materiale proveniente da precedente torre cilindrica, allora in rovina, senza che oggi se ne rinvenga qualche traccia;
  2. centralmente, la zona relativamente interna ed elevata del Casale Lo Lacco [41],  con la Pannella e la masseria-albergo dei De Siano, del XVII secolo, con la contigua e scomparsa Torre dei Saraceni, (V. Appendice 90), preesistente; poco lontano, e più a monte, La Pietra di Lacco (Appendice  89 ).
   3. ad oriente, la zona de La Fundera, con la sua torre cilindrica in posizione sopraelevata, la Torricella (Appendice 39), che di seguito viene inserita nella parte relativa alla scoperta e collegamento; appena più interna, la zona di Casamonte-Casasiano, con una probabile torre (V. Appendice 101);
  4. ancora centralmente, ma popolata in epoca più rececente, con gli insediamenti abitativi costieri, la zona a  mare, con le sue costruzioni sulla marina, di Casa Monti e la sua Torre (Appendice 40), la Torre scomparsa a la Marina  (Appendice 41), e la zona del Capitello (Appendice 100);
  5. sempre ad occidente, nel corrispondente accesso inferiore al territorio, in una zona notoriamente molto particolare, quella di S.Restituta, si trovano il convento e la sua Torre (Appendice 38);
in questa distribuzione territoriale si debbono ancora inserire:
  6. le batterie (Appendice 42 e 43), con quelle note di epoca relativamente recente.
  Meno rigorosamente di quanto ora proposto, ma in modo più immediato, gli elementi del Dispositivo, vengono però raggruppati come di séguito.

3.1. Scoperta e collegamento
Torre di Montevico (Appendice  81);
La Torricella (Appendice  39).

3.2. La zona a mare
Torre di S.Restituta (Appendice 38);
Torre Monti (Appendice 40);
Torre scomparsa a la marina (Appendice 41) (Torre Guardiola?).

3.3. Zona alta
Torre a Casamonte (Appendice 101);
Torre alla Pannella (Appendice 90);
La Pietra (Appendice 89).

3.4. Batterie
Stufe d’Arena (Appendice 42).
Annunziata (Appendice 43).
Punta Pozzo (Appendice 49).

  Con questi 11 manufatti si esaurirebbe, allo stato, quanto riferibile alDispositivonella zona del Lacco.
  I posti di guardia, relativi al Cordone sanitario sono, come per il resto dell’isola, indicati nell’Appendice F. Occorre osservare subito, per evitare qualche preliminare rilievo negativo, che la distribuzione di questi posti di vigilanza e controllo del territorio aiuta molto a comprendere, sia pure in epoca relativamente recente, quali fossero i punti nodali di una rete di sorveglianza ritenuta efficace, ed induce a concentrare l’attenzione su zone dell’isola che non figurano espressamente nei lavori che riguardano strettamente ilDispositivo.

SU