Appendice 3 - Torre di Vico Costantino

 

Scheda
Luogo: FORIO, via COSTANTINA.
Catasto: F.16, part.914.
Cronologia: Seconda metà del secolo XVI.
Destinazione originaria: Torre di difesa e rifugio.
Destinazione attuale: Abitazione.
Proprietà: Privata.
Leggi di tutela: n° 1497 del 1939.
Pianta: Circolare.
Copertura: Piana  a terrazzo.
Volte o solai: Volta a calotta.
Scale: Di legno.
Tecniche murarie: Muratura di pietrame di tufo verde.
Pavimenti: Battuto di lapillo.
Decorazioni esterne: Tori di pietra lavica.
Decorazioni interne: Assente.
Strutture sotterranee:

Vico CostantinoDESCRIZIONE

Al centro del nucleo medioevale di Forio, su di un banco roccioso di tufo, si eleva la torre detta di «Costantina», costruita nel XVI sec., a baluardo e difesa dalle scorrerie corsare delle abitazioni che si addossarono intorno.
Alla torre si accede attraverso l'orto contiguo, ove rustiche colonne disposte lungo il viale, sostengono il pergolato che, a mo' di reticolo, inquadra la sagoma cilindrica.
Per la caduta dell'intonaco del paramento esterno, nella parte basamentale, si nota chiaramente la muratura in pietra di tufo, che, nelle parti maggiormente esposte, mostra i segni delle erosioni provocate dal vento e dalla salsedina marina.
L'anello del toro in pietra lavica, posto all'altezza dell'attacco della volta emisferica, stacca il piano superiore, perfettamente cilindrico, da quello inferiore, lievemente a scarpa, e senza basamento.
La copertura della torre è piana, circondata da un secondo toro sul quale si innestano brevi mensole, parti residue della cornice di coronamento.
Nei pressi dell'ingresso, nella parte destra, è collocata una lapide della quale, però, resta visibile solo lo stemma.

NOTE COSTRUTTIVE. NOTIZIE STORICO-CRITICHE
Altre notizie:
Disegni e rilievi: Pianta dal rilievo dell’Arch. Raffaela Maria Cianciulli del 1979; sezioni da [106] (F.A/1399)
Mappe: Catasto foglio 16; Planimetria di Forio, scala 1:2000, del novembre 1981 [128].
Documenti vari: [15], [106].
Relazioni tecniche:
Riferimenti altre schede:
Compilatore della Scheda: Arch. Raffaela Maria Cianciulli.

ANNOTAZIONI
Nella scheda tipica, compare, per questa torre, un nome leggermente  diverso; del resto si era trovato:
o Torre Pertesta:  che è la denominazione data in [2];
o Torre di Costantina: è la denominazione data in [15], che chiama via Costantina quella in cui sarebbe questa torre;

Nelle mie peregrinazioni per le vie e vicoli di Forio, non mi era mai accaduto di leggere il nome Costantina sulle, in verità non tantissime, targhe stradali, ma, come detto nella Nota 13 (pp. 9, 10) imboccata la via S. Antonio Abate, il secondo vicolo a sinistra, è il Vico Costantino, dall’imboccatura del quale, sullo sfondo, in posizione elevata, visibilissima è la Torre.
La  Torre è visibilissima da qualsiasi sito elevato del paese: in bella vista dal terrazzo della mia casa in via Gaetano Morgera 11, al Cierco, la si apprezza, in tutta la sua rilevanza, dal terrazzo della Chiesa del Soccorso.
Nonostante il restauro, e gli interventi successivi alla compilazione della scheda della Cianciulli (1979), l’odierno aspetto esterno della torre non si discosta molto da quello che mostra nelle fotografie più recenti che la riproducono.

SU