Appendice 10 - Casa sospetta a Via S. Vito


Si è già presentato questo edificio nell’Addenda di Immagini di Nota 13: figure F7 a e b. Alla sua individuazione concorre la fig.1 di questa Appendice, particolare tratto da [128]: esso si pone all’attenzione di un viandante non disattento per la sua posizione rispetto all’attuale percorso stradale della via S. Vito.

1. La Scheda

Provincia e Comune: Napoli, Forio.
Luogo: Via S. Viton° 25
Oggetto: Torre.
Catasto: F.17 (?), part. 320.
Cronologia:
Autore:
Dest. Originaria: Torre di rifugio.
Uso attuale: Abitazione.
Proprietà: Privata.
Vincoli: Leggi di tutela P.R.G. e altri:

TIPOLOGIA EDILIZIA – CARATTERI COSTRUTTIVI
Pianta: Quadrata.
Coperture: Piano il lastrico solare..
Volte e solai: Lastrico solare in battuto di lapillo.
Scale:
Tecniche murarie: Pietrame di tufo.
Pavimenti:
Decorazioni esterne: Assente.
Decorazioni interne:
Arredamenti:
Strutture sotterranee

DESCRIZIONE
Posto alla periferia settentrionale della Contrada del Cierco, quasi di fronte alla Via Vecchia, stradina di accesso al vicino insediamento della Rocca – sorto nella zona de Lo Luogo a San Vito l’edificio, si presenta oggi evidentemente molto modificato: posto di sbieco rispetto all’attuale via di San Vito, un piccolo corpo di fabbrica aggiunto, a fronte strada, ad un solo piano, sbarra l’accesso alla piccola corte originaria.
L’andamento di questo corpo aggiunto, raccorda l’edificio con il successivo, percorrendo in salita la via; in esso si apre un portoncino, individuato dal civico n°25.
La debole scarpa, appare oggi ancor meno evidente, per essere stato sfettato lo spigolo a fronte strada, onde ridurne la sporgenza; un finestrino al piano superiore, appartenente verosimilmente alla struttura originaria, è oggi murato, e a canto ad esso si apre una porta finestra che consente l’accesso al piccolo terrazzo realizzato sul corpo aggiunto a fronte strada.

NOTE COSTRUTTIVE. NOTIZIE STORICO-CRITICHE
L’edificio a due piani, presenta agli spigoli le caratteristiche pietre di tufo verde ben squadrate, mentre le pareti, mostrano, attraverso l’intonaco in più parti scrostato, l’andamento molto più disordinato e casuale del pietrame di tufo, tipico delle vecchie costruzioni foriane.

Altre notizie
Disegni e rilievi: Figura 2.
Mappe: particolare da [128].
Documenti vari:
Relazioni tecniche:
Riferimenti altre schede:
Compilatore della Scheda: A. (Marzo 2002).

Conclusioni e propositi
Niente di certo può dirsi di questo edificio: la sua particolare posizione, la geometria e struttura, nonché la zona in cui si trova, in prossimità della via di comunicazione col vicino insediamento abitativo, fanno supporre si tratti di una delle tante Torri di rifugio di cui era dotato il paese, certo più numerose di quanto non sia oggi evidente o conosciuto.
L’esame di vecchie carte topografiche del paese, non molto numerose in verità, potrà, forse, aggiungere altri elementi conoscitivi su questo caratteristico edificio foriano.

SU