Home

Bosco della Maddalena
Le Case di pietra
Il Castello aragonese
Castello-Le Chiese
Castello-Le piante
La Colombaia
Epomeo
Epomeo-Memorie
Epomeo-Zarathustra
Il Fungo
Il Soccorso
Il Torrione
La Grotta del sole
La Grotta di Mario
Mondo sommerso
Monumento del Redentore
Osservatorio geofisico
Pilastri
Pinete
Porto di Ischia Ponte
Porto d'Ischia
Porto di sole e di sogni

Porto: cratere/lago
Sentieri
Torri


 

Ischia porto di sole e di sogni

"... Epperò con questa fertilità di suolo, con questo aere purissimo, con sì svariate genti che vi affluiscono, era veramente sventura che l'isola mancasse di un porto. Ma ciò che desiderarono in tutti i tempi, e sempre indarno, tutti i Dinasti che Ischia signoreggiarono, fu voluto e fatto prestamente al cenno del re Ferdinando II, immegliando così, non è a dire quanto, la sorte di quei popolani non solo, ma e delle vicine isole ancora, e di quanti con esse fan traffico.
Eravi a settentrione dell'isola uno stagno ampissimo, originatosi fin dai tempi più remoti dall'ultimo dei tre gran tremuoti, onde quella fu sconvolta, siccome ricorda la storia, il quale appena avrebbe dato adito a qualche navicello peschereccio che vi fosse entrato per via di un angustissimo canale comunicante col mare. Veduto dunque il Re che niun luogo offrivasi più acconcio ad un porto, comandava che vi si fosse aperto nel sito più vicino al mare un'ampia bocca da poter dare agevolissimo passaggio a qualsivoglia più grande piroscafo da guerra, e che il suo fondo si fosse purgato di tutte le materie, che i secoli vi avevano accumulato, affinché anche grandi navigli vi potessero riparare e stanziarvi a loro agio.
Acciocché poi la bollente rabbia dei venti non obbligasse i marosi a spingere le accumulate arene in quella chiostra, e la foga dei cavalloni nuocer non potesse ai legni nel luogo medesimo, dove cercan salvezza, volle Sua Maestà che di lunga ed acconcia scogliera si munisse l'entrata del porto.
... Un magnifico spettacolo si vide in quelle acque il giorno 17 settembre dell'anno 1854.
... Quelle acque si popolarono di numero innumerabile di palischermi, feluche, paranzelli, tartane e trabacche, folte e gremite di festevoli passeggeri.
.. Il Re medesimo, a fianco dell'augusta sua consorte e di tutta la regale famiglia, da una tenda innalzata sul clivo soprastante, gioiva di quella gioia. Fu bello vedere a quanti segni di plauso si esprimesse l'esultanza degli animi, e un bel sentire i replicati e fragorosi Viva il Re, maggioreggianti tra le numerose salve dei piroscafi da guerra, il Tancredi, la Saetta, il Delfino, l'Antilope, della Cristina e degli altri legni erranti nelle vicine acque con le reali bandiere.
Mostra bellissima facevano gli abiti paesani e festerecci, quelli soprattutto delle foresi dell'isola e di Procida, che tanto ritraggono delle antiche fogge. Sfavillavano esse per ori e argenti, con indosso quanto possedevano in rubini e perle, e di ogni altra simil cosa di pregio gravate più che ornate" (da Annali Civili del Regno delle Due Sicilie, vol. LIII, 1855).