Home

Bosco della Maddalena
Le Case di pietra
Il Castello aragonese
Castello-Le Chiese
Castello-Le piante
La Colombaia
Epomeo
Epomeo-Memorie
Epomeo-Zarathustra
Il Fungo
Il Soccorso
Il Torrione
La Grotta del sole
La Grotta di Mario
Mondo sommerso
Monumento del Redentore
Osservatorio geofisico
Pilastri
Pinete
Porto di Ischia Ponte
Porto d'Ischia
Porto di sole e di sogni

Porto: cratere/lago
Sentieri
Torri


 

Il Soccorso e il raggio verde

di Raffaele Castagna

Il Soccorso, fra il capo Imperatore e punta Caruso, fra l'Epomeo e il mare, è il sito più dilettevole di Forio. Da questo terrazzo è possibile assistere a meravigliosi tramonti con il sole che, di un rosso fuoco, scende all'orizzonte e sembra che si cali negli abissi marini. Da questo belvedere si può ammirare il famoso raggio verde (ma spesso si resta delusi): uno dei fenomeni più attraenti che la natura possa offrire ai nostri occhi: il sole, al tramonto, mostra in alto una striscia di un verde azzurro intenso.
"... il mare, il seno, gli scogli, le punte, i lidi - scrive lo storico d'Ascia - ti stanno da presso, e con la più perfetta armonia cingono e fanno omaggio a questo punto amenissimo. Il fabbricato del paese, le colline, il monte più lontano, spiegano il loro panorama, in tutto lo sfoggio del loro incanto, e rendono a questo terrazzo, situato tra cielo e mare, il più lusinghiero corteggio, perché ne accrescono la bellezza col loro riflesso, col loro apparato".
Qui sorge la Chiesa del Soccorso, edificata nel XV secolo, ricca di ex voto di marinai e di emigranti: piccoli bastimenti, stampelle.... Vi è inoltre un Crocifisso, abbandonato nella tempesta e giunto al lido foriano.
Tra il Soccorso e il capo Imperatore si stende la baia di Citara, con le sue spiagge, con i suoi scogli, e soprattutto con i Giardini Poseidon, stabilimento termo-balneare di fama mondiale: piscine termali ed altre strutture si inquadrano perfettamente nell'ambiente naturale.Il raggio verde costituisce uno dei fenomeni più attraenti che la natura possa offrire ai nostri occhi e che si verifica in condizioni atmosferiche particolari per uno o due secondi, al tramonto del sole. Tra i migliori punti di osservazione è indicata appunto la terrazza del Soccorso a Forio.
Ma occorre pazienza e i detti popolari riportano che soprattutto le anime felici sono predisposte a percepire questa visione!
Per molto tempo il fenomeno fu ritenuto di carattere solo psicologico e perciò puramente soggettivo. Sembra però che si sia riusciti a fermarne le immagini anche con l'obiettivo fotografico.
Concorrono a spiegarlo la dispersione, l'assorbimento e la diffusione della luce.
L'atmosfera agisce come un prisma e scompone la luce nei suoi elementi costitutivi. Ne derivano infiniti raggi, diversamente deviati, dei vari colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu e violetto (lo spettro della luce). Tali colori subiscono una sorte differente: l'arancione e il giallo sono quasi del tutto eliminati, in quanto assorbiti dal vapor d'acqua, dall'ossigeno e dall'ozono contenuti nell'aria; il blu e il violetto sono pure eliminati in virtù della diffusione della luce; passano, quindi, attraverso l'atmosfera, preferibilmente, il rosso e il verde.
Primo a scomparire è il rosso e poi, se le altre componenti sono assorbite o diffuse, non resta che il verde: il raggio verde.