Home

Bosco della Maddalena
Le Case di pietra
Il Castello aragonese
Castello-Le Chiese
Castello-Le piante
La Colombaia
Epomeo
Epomeo-Memorie
Epomeo-Zarathustra
Il Fungo
Il Soccorso
Il Torrione
La Grotta del sole
La Grotta di Mario
Mondo sommerso
Monumento del Redentore
Osservatorio geofisico
Pilastri
Pinete
Porto di Ischia Ponte
Porto d'Ischia
Porto di sole e di sogni

Porto: cratere/lago
Sentieri
Torri


 

Le case di pietra

Questo lembo di terra, frequentato da Micenei e Fenici, colonizzato da vasai e contadini euboici, poi dominato da Romani e Partenopei e infine da Svevi, Angioini, Aragonesi e Spagnoli, funestato spesso da scorrerie barbaresche, offre tutte le bellezze ed i vantaggi dei più rinomati centri costieri di villeggiatura e, in più, alcune sorprese. Tra queste, le "case di pietra", raro esempio di architettura rupestre e significativa testimonianza di sfruttamento "ecologico" della natura, cioè di adeguamento ad essa. Scavare un masso per ricavarne un'abitazione o un cellaio significava volontà di vivere in simbiosi con la natura, di valorizzarne e sfruttarne ogni possibilità, di accordarsi ai suoi ritmi e tempi.
   Case di pietra possono essere ammirate in tutto il territorio isolano, ma segnatamente nella zona che va da Serrara a Forio, tuttintorno al massiccio dell'Epomeo. Scavate nel tufo più o meno dolce, verde o di altro colore, sono principalmente adibite ad abitazioni rurali, talvolta addirittura permanenti, hanno forme e dimensioni diverse, e testimoniano l'abilità e l'inventiva dell'artefice. Questi massi, caduti dall'Epomeo e scavati con mano sapiente, rappresentano una testimonianza di perfetto connubio tra l'uomo e l'ambiente, segno perenne di intelligenza, di rispetto per le cose, di spirito di iniziativa. A chi voglia saperne di più suggeriamo l'esaustivo Le case di pietra di N. D'Arbitrio e L. Ziviello, SEN., Napoli, 1982 (Pasquale Balestriere).