Home

Bosco della Maddalena
Le Case di pietra
Il Castello aragonese
Castello-Le Chiese
Castello-Le piante
La Colombaia
Epomeo
Epomeo-Memorie
Epomeo-Zarathustra
Il Fungo
Il Soccorso
Il Torrione
La Grotta del sole
La Grotta di Mario
Mondo sommerso
Monumento del Redentore
Osservatorio geofisico
Pilastri
Pinete
Porto di Ischia Ponte
Porto d'Ischia
Porto di sole e di sogni

Porto: cratere/lago
Sentieri
Torri


 

Le Torri

Autentici monumenti devono considerarsi le Torri, muti testimoni per lo più di un'epoca di lotte feroci, di lagrime e di glorie. Di alcune si conserva appena qualche traccia o ricordo; altre sfidano ancora i tempi, ora adibite ad altro uso pratico, ora destinate ad una nuova valorizzazione ed alla pubblica fruizione, a seguito di interventi restaurativi (in atto o futuri) da parte delle Amministrazioni comunali.
La necessità della difesa fece sorgere le torri: da esse si scrutava il mare e, al profilarsi delle galee piratesche, si dava l'allarme e la popolazione si rinchiudeva in queste costruzioni per difendersi. Torri rudi, ma solide; circolari o quadrate; piccole o grandi.

Lacco Ameno - Nel comune di Lacco Ameno importanza storica ha la Torre Aragonese sulla punta estrema di Monte Vico, eretta nel secolo XV a guardia della baia. Di qui, quando si avvicinavano le vele dei barbareschi, si facevano i segnali consistenti in fuochi o in colonne di fumo densissimo: segnali che avvertivano anche Napoli, Procida, e le altre terre della costa. Nel 1868 la zona circostante alla torre fu scelta per adibirla a pubblico cimitero, formandone così un angolo di pace e di riposo.
Coloro che, per un motivo qualsiasi, si spingono verso il pendio di Monte Vico, possono ammirare un panorama suggestivo ed incomparabile: le colline di Lacco Ameno, dominate dall'Epomeo, il Fungo adagiato lì, in mezzo ad un mare azzurro e calmo, il contrafforte di Perrone in Casamicciola, la costa di Vivara e di Procida, la sagoma di Monte di Procida e di Capo Miseno, un orizzonte puro ed ampio.

Forio - Maggiori testimonianze sono presenti nel comune di Forio, ove più frequenti si verificarono gli sbarchi e gli assalti. Le prime ad essere costruite furono le torri di forma circolare e tra queste domina il Torrione: di dimensioni maestose, alto tanto da dominare tutto l'abitato, profondo sino al livello del mare; aveva quattro cannoni di bronzo che, al cessare delle incursioni moresche, vennero usati per sparare a salve nelle festività pubbliche. Dopo un periodo di abbandono, esso ebbe nuova vita nel 1863: vita di arte e di poesia. Lo scultore e poeta Giovanni Maltese ottenne in enfiteusi perpetua dal Comune il monumento e lo trasformò in suo studio. Nel 1926 la vedova di Maltese, Giovanna Fayrer, dispose che il Torrione ritornasse al Comune di Forio, con tutte le numerose sculture. Esso è diventato museo civico.
Fra le altre torri si possono citare quella detta "Quattrocchi" in Piazza, la Torre di Nacera, Torone in contrada omonima.......


Ischia - Viene comunemente indicata come la Torre di Michelangelo quella che si erge di fronte al Castello Aragonese nel comune di Ischia.
Verità o leggenda, si dice che il grande artista si fosse invaghito di Vittoria Colonna a tal punto da crearsi la possibilità, qui dimorando, di poter esserle vicino anche durante le sue permanenze ad Ischia. Essa sorse ad opera della famiglia dei Guevara, duchi di Bovino: un fortino privato di non facile accesso da parte degli Ischitani; classico modello di un palazzotto quattrocentesco, munito di comodità familiari, decorato di affreschi.
Dopo anni di desolante abbandono, la torre è stata sottoposta ai necessari lavori di restauro ed oggi anche questo monumento è ritornata a novella vita, come centro di manifestazioni e di incontri culturali.