Home

Bosco della Maddalena
Le Case di pietra
Il Castello aragonese
Castello-Le Chiese
Castello-Le piante
La Colombaia
Epomeo
Epomeo-Memorie
Epomeo-Zarathustra
Il Fungo
Il Soccorso
Il Torrione
La Grotta del sole
La Grotta di Mario
Mondo sommerso
Monumento del Redentore
Osservatorio geofisico
Pilastri
Pinete
Porto di Ischia Ponte
Porto d'Ischia
Porto di sole e di sogni

Porto: cratere/lago
Sentieri
Torri


 

Il Bosco della Maddalena

Il Bosco della Maddalena è situato nel Comune di Casamicciola Terme, ai confini di Barano e di Ischia; si estende su un dislivello dai 20 ai 300 metri sul livello del mare.
Vi si può accedere da due ingressi: a) dalla strada statale 270 in località Castiglione, b) dal Fondo d’Oglio, località raggiungibile da Piazza Marina attraversol il corso Manzi e poi per le vie Monte della Misericordia e Nuova Cretaio.
Il complesso boschivo sorge su terreni vulcanici sia sciolti sia lavici, parzialmente unificati, di interesse vulcanologico, geomorfologico e botanico. Il clima mite e dolce favorisce un tipo di vegetazione sempreverde, ormai in via di scomparsa dalle nostre coste, in seguito all’opera di deforestazione compiuta dall’uomo lungo le vie del Mediterraneo.
L’area boschiva si distingue in due distinti biotipi forestali: il bosco di leccio e la pineta di pino domestico.
Il sottobosco del lecceto, benché la zona sia stata aggredita tutt’intorno dall’antropizzazzione e dall’urbanizzazione, ha conservato intatte le tipiche essenze della macchnia mediterranea, tra cui il corbezzolo, il lentisco, il mirto, l’erica, il rovo, le ginestra, il cisto, la lonicera o caprifoglio, lo smìlace…

Il Fondo d’Oglio è un cratere di circa 350 m di diametro e 127 di profondità. Un tempo era facile raccogliere sul fondo “bombe vulcaniche a crosta di pane” e blocchi di trachite. Qui si può osservare una pianta non comune: il dente di cavallo, stretto parente del papiro. Questa pianta vive in zone tropicali e subtropicali e nell’isola d’Ischia si è adattata perché ha trovato un terreno riscaldato dal vapore acqueo delle fumarole. Si osservano anche muschi di genere tropicale, insieme con la Pteris longifolia, una felce che vive a temperature medie annuali elevate.